Ricompilare il kernel di Fedora core 6 a 32 bit

Da FOL Wiki.
Obsoleto.png Guida obsoleta!
La procedura descritta in questa guida non è più valida per le ultime release di Fedora.

Fai una Ricerca per vedere se esiste una guida più aggiornata.

Come ricompilare il kernel in Fedora Core 6

Warning.png Attenzione !
Quello si sta per fare è estremamente delicato e non mi assumo responsabilità per eventuali malfunzionamenti. Tutto è a vostro rischio e pericolo.

Si farà tutto da utente normale, non da root e con pochi e semplici passaggi.
La compilazione richiede fino ad un massimo di quasi 3 GB, quindi accertarsi che tale spazio sia disponibile nella propria /home.
Iniziare con lo spostasi nella nostra home con:

$ cd ~/

Installare gli strumenti necessari:

$ su -c yum 'install rpmdevtools yum-utils' 

Inserire la password di root quando richiesto. Poi creare la dir rpmbuild con:

# rpmdev-setuptree 

Ora installare i sorgenti del kernel con:

# yumdownloader -e updates-source --source kernel 

Adesso i sorgenti del kernel si trovano nella propria home. Si installano sempre da utente non root con:

# rpm -Uvh kernel-versione-scaricata.src.rpm 

Saranno notificati degli errori, ma vanno ignorati, nulla di preoccupante.
Quello che si sta per fare ora abbrevia i tempi di compilazione:

# kate ~/rpmbuild/SPECS/kernel-2.6.spec 

Nuova sessione->visualizza->mostra i numeri di riga (se si usa gnome si saprà quale editor usare e come usarlo)

Riga 13 %define buildxen 1 -mettere 0 al posto di 1-
Riga 15 %define buildkdump 1 -mettere 0 al posto di 1-

Per dare un nome personalizzato al nuovo kernel,

Riga 35 %define release %(R="$Revision: 1.2868 $"; RR="${R##: }"; echo ${RR%%?})%{?dist}

sostituire 1.2868 in un nome a piacere, tipo nuovo, ricompilato ecc..

Riga 97 %define buildpae 1 -mettere 0 al posto di 1-

Salvare ed uscire.

Ora si può passare alla compilazione con:

# rpmbuild -bb --target $(uname -m) kernel-2.6.spec

Si consiglia di andare a fare una passeggiata, il mio Notebook con Athlon64 3000+ 512 di ram ha impiegato poco più di 2 ore.

Quando ha finito si può installare il nuovo kernel. Spostarsi in:

# cd /home/mia_home/rpmbuild/RPMS/i386 

Installare con:

# rpm -Uvh --force --oldpackage kernel-2.6.18-nome_che_si_è_dato.i686.rpm 

Al riavvio partirà il proprio kernel. Per crearsi un kernel personalizzato per il proprio PC, alleggerito ecc. Diventare root con <su -> poi:

# cd /home/mia_home/rpmbuild/BUILD/kernel-2.6.18/linux-2.6.18.i686 

Per chi vuole usare una GUI:

# yum install qt-devel 
# make xconfig 

Si apre l'interfaccia grafica che permette di apportare le modifiche volute.
Ci si trova nel cuore di Linux: il kernel. Un'operazione sbagliata può compromettere il funzionamento di tutto il sistema e magari non avviarsi più. Come detto all'inizio la responsabilità è vostra.

Volendo continuare, una volta effettuate le modifiche, per renderle operative occorre dare nell'ordine i seguenti comandi:

# make all
# make modules_install
# make install

Per fare pulizia e recuperare spazio:

# make clean 

Riferimenti