Modem USB Adsl Trust MD-3100

Da FOL Wiki.
Obsoleto.png Guida obsoleta!
La procedura descritta in questa guida non è più valida per le ultime release di Fedora.

Fai una Ricerca per vedere se esiste una guida più aggiornata.

La guida che segue è frutto dell'utilizzo delle molte indicazioni trovate in altre guide sintetizzate con elementi di esperienza diretta e correzioni varie necessarie.

Info.png N.B.:
Si declina ogni responsabilità per perdita dati o danni hardware dovuti all'utilizzo delle indicazioni e procedure indicate di seguito e comunque per danni di ogni genere. Se si utilizzano le seguenti informazioni lo si fa a proprio rischio e pericolo.

I componenti richiesti per l'installazione sono i seguenti:

  1. Il sorgente del proprio kernel. Se non lo si possiede lo si può scaricare dal sito della propria distro, in questo caso http://mirror.eas.muohio.edu/fedora/linux/core/5/i386//os/Fedora/RPMS/
  2. Le vecchie guide indicavano di scaricare il "nuovo" ATM. Con Fedora Core 5 non occorre perché l’Atm di Fedora va benissimo e l’ATM che si scaricherebbe è vecchio di 2 anni e darebbe errore nella ricompilazione del kernel con conseguente fallimento della operazione.
  3. Il driver per Windows del modem TRUST MD-3100.
Warning.png Attenzione !
Fare attenzione perché il pacchetto che si scarica dal sito Trust non è decomprimibile. Perciò il file necessari li si trovano al seguente indirizzo http://www.atlantis-land.com/firmware/1863_DriverWinMultiV099.085WAN.zip

Si può iniziare l'installazione del modem.

Installazione del kernel

  1. Scompattare il file rpm del sorgente del proprio kernel o dall'interfaccia grafica oppure da terminale con il comando:
    $ rpm -ivh kernel-2.6.15-1.2054_FC5.src.rpm

    (per veder la propria versione del kernel digitare uname-r)

  2. Poi digitare
    $ rpmbuild -bp --target=noarch /usr/src/redhat/SPECS/kernel-2.6.spec
    il sorgente si trova qui
    /usr/src/redhat/BUILD/kernel-2.6.15/
  3. A questo punto prima di compilare bisogna abilitare alcune opzioni del kernel. Eseguire il comando da terminale in modalità root:
    $ make menuconfig

    oppure se correttamente installato

    $ make xconfig

    per usufruire dell'interfaccia grafica.

  4. Andare sotto la voce Device Drivers > USB support > USB DSL modem support ed attivate USB DSL modem support & Conexant AccessRunner USB support.
    Questo attiverà anche il supporto per hotplug ed il caricatore per i firmware (dalla ver 2.6.15 del kernel è sicuramente tutto integrato).
  5. Andare sotto la voce Networking support -> PPP support e configurare come di seguito
    PPP support
     PPP sync tty < potrebbero volerci
     PPP async tty < tutti e due
     PPP deflate < non obbligatorio
     PPP BSD-Compression < non obbligatorio
     PPP over ATM
  6. Andare sotto la voce Networking option e configurare come di seguito
    Asyncronous Transfer Mode
     Classical IP over ATM
     Do NOT send ICMP if no neighbour

    Cmq dovrebbe essere già abbastanza settato.

  7. A questo punto eseguire
    $ make clean

    per ripulire da precedenti compilazioni.

  8. Eseguire poi
    $ make bzImage

    per dare inizio alla compilazione del kernel. La compilazione impiega circa 10-15 minuti dipende dal processore.

  9. Poi eseguire
    $ make modules

    per la compilazione dei moduli. La compilazione impiega circa 2 ore su un Celeron 500.

  10. Poi eseguire
    $ make modules_install

    per copiare i moduli nella cartella /lib/modules/[versione del kernel].

  11. Poi eseguire
    $ make install

    per copiare l’immagine del kernel nella cartella /boot e via di seguito nelle altre cartelle.

Installazione del driver del modem

  1. Ora rimanendo sempre nella cartella dei sorgenti del proprio kernel, andare a prendere l'utility per estrarre il firmware dal cvs e poi compilarlo. Digitare i seguenti comandi da terminale impostato come root.
    $ cvs -z3 -d:pserver:[email protected]:/cvsroot/accessrunner co -P utils
     cd utils
     make

    ..questo ovviamente se si ha la fortuna di poter accedere alla rete. Il caso più ricorrente è quello in cui si dispone del vecchio modem 56Kbps. Basta configurarlo con un driver linux generico anche a 9.600 bps, tanto l'operazione per scaricare l'utility dura 5 secondi. Poi il modem 56 K se non lo si usa per i fax si può pure buttare dalla finestra. (Guardare se passa qualcuno prima di gettarlo…se lo si colpisce si sarà responsabili per danni).

  2. Copiare i file presi sopra in una qualsiasi Cartella
  3. Estrarre dal driver di windows il file CnxEtU.sys e copiarlo nella Cartella. Ora da terminale eseguire il seguente comando
    $ ./cxacru-fw CnxEtU.sys cxacru-fw.bin

    Verrà creato il file "cxacru-fw-bin" che altro non sarebbe che il firmware del nostro modem.

  4. Copiare il file "cxacru-fw.bin" sotto la cartella /lib/firmware.
  5. N.B. Nel caso, una volta caricato il firmware, si riceve il messaggio:
    cxacru 1-1:1.0: poll status: error -5

    significa che occorre una versione più recente del proprio firmware. Bisogna quindi cercare una versione aggiornata anche da produttori diversi da quello del modem in proprio possesso.

  6. A questo punto il driver del proprio modem dovrebbe già essere in funzione e il led ADSL del proprio modem dovrebbe lampeggiare per cercare la sincronizzazione con la linea.
  7. Una volta agganciato il segnale ADSL, scrivere da terminale
    $ cat /proc/net/atm/cxacru:0

    appariranno di seguito queste informazioni

    ADSL USB MODEM (usb-0000:00:07.2-1)
     MAC: xx:yy:zz:bla bla bla
     AAL5: tx 9363 ( 0 err ), rx 14299 ( 0 err, 0 drop )
     Line up

    Il driver del modem è perfettamente funzionante

Info.png NB
probabilmente si avrà un rallentamento di tutta l’interfaccia grafica di linux poiché forse non è ancora corretta la connessione causando tale disagio.

Impostazione della connessione ADSL

Prima di iniziare bisogna sapere:

  1. la propria "userid" e "password" che di solito per Telecom Alice sono "userid=aliceadsl" e "password=aliceadsl"
  2. VPI e VCI del proprio provider che nel caso di Telecom Alice sono 8 e 35.
  3. IP e DNS del proprio provider nel caso di una connessione con IP statico.

Iniziare con la configurazione

  1. Creiamo il file “adsl” nella cartella /etc/ppp/peers/ e scriviamoci al suo interno quello di seguito:
  2. lock
     debug
     kdebug 1
     noauth
     maxfail 3
     ipparam ppp0
     noipdefault
     usepeerdns
     defaultroute
     noaccomp
     noccp
     nobsdcomp
     nodeflate
     nopcomp
     novj
     novjccomp
     persist
     plugin /usr/lib/pppd/2.4.3/pppoatm.so 8.35
     user aliceadsl
  3. Aprire il file /etc/ppp/pap-secrets ed inserire il proprio userid e password come di seguito:
  4. # Secrets for authentication using PAP
    # client server secret IP addresses
    aliceadsl * aliceadsl
    ####### redhat-config-network will overwrite this part!!! (begin) #####
    ####### redhat-config-network will overwrite this part!!! (end) #######
    
  5. Aprire il file /etc/ppp/chap-secrets ed inserire il proprio userid e password come di seguito:
  6. # Secrets for authentication using PAP
    # client server secret IP addresses
    aliceadsl * aliceadsl
    ####### redhat-config-network will overwrite this part!!! (begin) #####
    ####### redhat-config-network will overwrite this part!!! (end) #######
    
  7. A questo punto scrivere da terminale
  8. $ /usr/sbin/pppd call adsl
    

    ed il gioco è fatto.
    Ora se si apre mozilla o firefox e si è eseguito senza errori la procedura, navigare regolarmente. Io poi mi sono fatto un collegamento sul Desktop poiché ogni volta che accendo il computer, occorre rieseguire /usr/sbin/pppd call adsl per avviare la connessione.

  9. Controllare su /var/log/messagges se appaiono scritte del genere
  10. Jun 3 00:07:40 localhost pppd[5101]: Plugin /usr/lib/pppd/2.4.3/pppoatm.so loaded.
    Jun 3 00:07:40 localhost kernel: CSLIP: code copyright 1989 Regents of the University of California
    Jun 3 00:07:40 localhost kernel: PPP generic driver version 2.4.2
    Jun 3 00:07:40 localhost pppd[5101]: PPPoATM plugin_init
    Jun 3 00:07:40 localhost pppd[5101]: PPPoATM setdevname_pppoatm - SUCCESS:8.35
    Jun 3 00:07:40 localhost su(pam_unix)[5095]: session closed for user root
    Jun 3 00:07:40 localhost pppd[5126]: pppd 2.4.2 started by root, uid 0
    Jun 3 00:07:40 localhost pppd[5126]: Using interface ppp0
    Jun 3 00:07:40 localhost pppd[5126]: Connect: ppp0 <--> 8.35
    Jun 3 00:07:40 localhost pppd[5126]: Warning - secret file /etc/ppp/pap-secrets has world and/or group access
    Jun 3 00:07:43 localhost pppd[5126]: Warning - secret file /etc/ppp/pap-secrets has world and/or group access
    Jun 3 00:07:43 localhost pppd[5126]: PAP authentication succeeded
    Jun 3 00:07:43 localhost pppd[5126]: local IP address 82.59.0.222
    Jun 3 00:07:43 localhost pppd[5126]: remote IP address 192.168.100.1
    Jun 3 00:07:43 localhost pppd[5126]: primary DNS address 80.17.212.208
    Jun 3 00:07:43 localhost pppd[5126]: secondary DNS address 151.99.125.1
    
  11. Controllare su /etc/resolv.conf se i dns sono corretti altrimenti si dovranno inserire a mano.
  12. ; generated by /sbin/dhclient-script
    search pool8251.interbusiness.it
    nameserver 80.17.212.208
    

Per chi ha libero adsl nel file resolv.conf deve scrivere:

search libero.it
nameserver 193.70.192.25
nameserver 193.70.152.25

Perciò il comando per connettersi sarà:

$ /usr/sbin/pppd call adsl

Il comando per disconnettersi sarà:

$ killall pppd
Warning.png Attenzione !
Stare attenti a scrivere tutto correttamente con tutti gli spazi richiesti. Un errore può essere "fatale" per le operazioni.
Una volta configurato il tutto è consigliabile connettersi ad internet con l’adsl ed aggiornare il sistema da terminale root col comando YUM update (Ci metterà un po' a scaricare circa 500 Mb di aggiornamenti, ma alla fine avrete l'ultima versione effettiva di Fedora 5).