Modem Speedtouch 330 su Fedora Core

Da FOL Wiki.
Obsoleto.png Guida obsoleta!
La procedura descritta in questa guida non è più valida per le ultime release di Fedora.

Fai una Ricerca per vedere se esiste una guida più aggiornata.

Introduzione

Questa guida nasce per chi, come me, non è riuscito a configurare il proprio modem ADSL usb Speedtouch 330 su Fedora Core 6.
Per prima cosa voglio dire che non sono un utente esperto (uso Linux da poco più di una settimana), quindi se ci sono riuscito io, ci possono riuscire tutti.
Voglio premettere inoltre di non prendere quello che scrivo come verità sacrosanta, primo perché ci possono essere errori o sviste, secondo perché è sempre possibile (per svariate cause) che le istruzioni che scrivo non vadano bene per il vostro sistema hardware e/o software. In sintesi qui espongo la procedura da me seguita per risolvere il problema di connettermi con questo modem; siccome è parecchio diffuso, altri nuovi utenti possono incappare nello stesso problema e possono provare a risolverlo come ho fatto io.

Requisiti

Dopo aver preso il modem usb Speedtouch 330 colore viola (rev.2) o argento (rev.4) [non parlerò della versione più vecchia di colore verde (rev.0)], aver installato Fedora, ora quello che serve è il firmware (scaricabile da qui) e un programmino da compilare detto firmware-extractor (scaricabile da qui).
Mettere tutti i file in un floppy o penna usb e copiarli nella propria home in Fedora. E' necessario avere già installato un compilatore per il firmware-extractor, gcc va benissimo. Per installarlo:

#yum install gcc

Installazione

Estrarre il file SpeedTouch330_firmware_3012.zip, all'interno ci sono 2 file: KQD6_3.012 e ZZZL_3.012. Se si possiede il modem viola rinominare il primo file in mgmt.o; se si possiede quello argento fare la stessa cosa con il secondo file.
A questo punto estrarre il firmware-extractor in una cartella e copiare nella stessa il file appena rinominato (cioè mgmt.o); adesso bisogna compilare il programma: basta aprire un terminale in questa cartella Applicazioni > Accessori > Terminale e digitare:

$ ./configure
$ make

A questo punto si deve diventare amministratori (root) e digitare:

# make install

Fatto ciò, senza chiudere il terminale, copiare nella stessa cartella il file SpeedTouch330_firmware_3012.zip (si può lavorare anche in modi diversi, ma è più semplice così dato che il terminale è già aperto in questa cartella) e ritornare ad essere un utente normale (digitando exit).
Ora, a seconda del modem è necesario digitare:

Modem viola (rev.2)

$ unzip SpeedTouch330_firmware_3012.zip &&
$ chmod +x firmware-extractor &&
$ ./firmware-extractor KQD6_3.012

Modem argento (rev.4)

$ unzip SpeedTouch330_firmware_3012.zip &&
$ chmod +x firmware-extractor &&
$ ./firmware-extractor ZZZL_3.012

Ora bisogna aprire un editor di testo Applicazioni > Accessori > Editor di testi. In esso si digiterà:

"[email protected]" "*" "password"

Al posto di username scrivere il proprio nome utente e al posto di isp inserire il proprio ISP (ad esempio alice.it). Naturalmente poi si dovrà sostituire la password con la propria; non modificare assolutamente le virgolette e l’asterico! Salvare il file sempre nella stessa cartella con il nome secrets.

Ora si dovrà aprire un nuovo documento dell’editor di testo e copiarci dentro quanto segue:

PEERDNS=yes
TYPE=xDSL
DEVICE=ppp0
BOOTPROTO=dialup
PIDFILE=/var/run/pppoa-adsl.pid
CONNECT_POLL=6
CONNECT_TIMEOUT=300
SYNCHRONOUS=no
DEFROUTE=yes
LCP_INTERVAL=10
LCP_FAILURE=2
USER='[email protected]'
VPI=8
VCI=35
LINUX_PLUGIN=pppoatm.so

Di nuovo, al posto di username, sostituire il proprio nome utente e al posto di isp sostituire il proprio ISP. Salvare il file con il nome di ifcfg-ppp0.
Ora da root si digiterà nel terminale:

# cp speedtch-{1,2}.bin /lib/firmware
# install -m400 ifcfg-ppp0 /etc/sysconfig/network-scripts
# install -m400 secrets /etc/ppp/chap-secrets
# install -m400 secrets /etc/ppp/pap-secrets

Chiudere e riavviare il computer (questa volta con il modem collegato) ed si avrà da subito la possibilità di collegarsi ad Internet (basta aprire un browser per verificarlo).

Riferimenti