Guida base ai comandi vi

Da FOL Wiki.

VI è un utilissimo editor a riga di comando presente in ogni sistema operativo Unix/Linux e quindi anche in Fedora.
Tutti dovrebbero sapere almeno i comadi base. D'accordo che editor grafici come Gedit ed eventuali altri, sono più semplici da utilizzare, ma in caso di emergenza, tipo dover entrare in modalità testo perché X non si avvia, Gedit non funzionerebbe. Oppure, se Fedora non parte, bisogna avviare in modalità rescue e poi entrare in chroot/mnt/sysimage, da dove si può accedere al File System ed eventualmente fare delle modifiche... magari al grub.conf. Ecco, in questo caso è essenziale conoscere come poter utilizzare vi.

Per avviarlo basta digitare:

# vi <nome_file>

L'editor dispone di due modi base per la manipolazione del testo:

  • modo Comando
  • modo Inserimento testo

Di default, appena aperto il file ci si trova in modalità Comando. Per entrare in modalità inserimento basta premere il tasto "i" ed in basso a sinistra appare la scritta INSERT che indica appunto in che modalità ci si trova.
Ci si può ora spostare con le frecce ed inserire del testo dove si preferisce. Per cancellare eventuali errori di battitura basta andare indietro con backspace.
Per entrare in modalità Comando premere il tasto Esc, se si preme 2 volte emette un beep che assicura di esserci effettivamente in questa modalità. Da questa modalità si hanno a disposizione i seguenti comandi:

:q!  uscire senza salvare le modifiche effettuate
:wq  uscire e salvare le modifiche
:w   salvare senza uscire
:w <nome_file>  salvare sotto un'altro <nome_file>
:x   cancellare il carattere sotto il cursore
:3x  cancellare n caratteri da quello evidenziato in poi (3 in questo caso)
:dw  cancellare dal cursore alla parola successiva
:dd  cancellare una riga
:dG  tutte le righe inclusa l'attuale
:numero di riga per andare a quella determinata riga
/parola  per trovare una parola
. n per continuare la ricerca 
. N per invertirne la direzione

Per rientrare in modalità Inserimento premere di nuovo "i".
Conoscere questi comandi di base basta ed avanza per interventi di emergenza.

Attenzione! VI non perdona. Una volta salvato NON c'è possibilità di annullare le modifiche. Si consiglia di fare una copia del file che si andrà a modificare con

# mv <nome_originale>  <nome_originale-old>  

poi

# vi  <nome_originale-old> 

e salvarlo con i comandi sopra come <nome_originale>